325

Dei 325km in bici tra Ferrara e l’Istria ricordo l’inflessibile doganiere croato che mi congeda con «next time you don’t forget it», le scatole di panettoni appoggiate al suolo alla dogana slovena. Il senso di fastidio nel camminare tra la gente il giorno dopo l’essere tornato a casa, il girar a vuoto a Muggia, il sentire le cose nitidamente, sentirle finalmente tutte, sulla salita verso Plovanja.

Questa voce è stata pubblicata in Asfalto e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *