Coraggio

Rigoni Stern avrebbe potuto lavorare a Torino, ma è stato uno dei pochi intellettuali che ha capito l’importanza di stare là, in montagna, a litigare con i suoi compaesani.

Paolo Cognetti, oggi, a Internazionale a Ferrara, prende due semplici parole e me le spalma sugli occhi e per un attimo non vedevo più dove stavo camminando, vedevo solo il coraggio, attorno, addosso, ovunque, che mi sta aspettando ormai da troppo tempo, che forse è arrivato il momento di abbracciare.

Questa voce è stata pubblicata in Linea d'ombra e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *