Giugno, dov’eri

Rivoglio indietro il mio giugno. Dov’è finito? Se lo cerchi bene, lo trovi appoggiato ai piloni del ponte della ferrovia lungo il Po, ammassato dalla corrente insieme ai detriti dei temporali: ci sono rami, sterpaglie, tronchi, che la portata del fiume deposita contro il cemento, e il resto passa. L’acqua passa, e giugno no.

Questa voce è stata pubblicata in Catene, Forzalavoro e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *