We’re up all night to get light

C’è un tempo per ogni cosa, è vero, e il tempo per conoscere evidentemente è finito, sempre che sia mai iniziato. Se c’è un tempo per ogni cosa, allora, però, forse, finirà anche il tempo in cui l’altro non viene visto come una minaccia, ma esattamente un tuo simile, una persona che ha un po’ di paura, e vuole soltanto un po’ di luce. Se c’è un tempo per ogni cosa, ci sarà il tempo in cui il concetto di uguaglianza sarà universalmente applicato non soltanto alle razze, alle tendenze sessuali, alle condizioni sociali ed economiche, ma anche alle paure, e alle parole, e al tempo, diverso per tutti e quindi uguale per tutti, nel suo soffiarci dentro le orecchie, ogni sera che passa.

Questa voce è stata pubblicata in Linea d'ombra e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a We’re up all night to get light

  1. Alessandra scrive:

    Arriverà il tempo per l’uguaglianza, ma sarà sempre troppo tardi. E’ un mondo triste questo qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *