Gli squali se non nuotano muoiono

Alla fine l’unico proposito di quest’anno non sono riuscito a mantenerlo: non ho imparato a fare il caffè. Ma sono riuscito a leggere questo libro. Ci ho messo un anno, anche se ci ho messo due giorni, ieri, in treno, e oggi, sul mio letto. L’ho iniziato tre volte, è rimasto appoggiato sulla mia scrivania tutti i giorni di questo 2011, ad accumulare polvere, che periodicamente spolveravo. L’ho iniziato tre volte. Ha preso la pioggia quella domenica di luglio in cui cercavo clorofilla. Spesso era nel mio zaino, ad appesantirlo. E poi, alla fine, ho pensato che no, tutto non poteva finire senza almeno averlo letto, senza imparare a sfogliare le pagine prima che sia troppo tardi.

Ho cominciato a fare invenzioni e dopo non riuscivo più a frenarmi, come i castori, che conosco. La gente crede che abbattano gli alberi per costruire le dighe, ma in realtà è perché non smettono mai di crescergli i denti, e se non li limano continuamente tagliando il legno di tutti quegli alberi, i denti comincerebbero a crescergli dentro il muso e morirebbero. Il mio cervello era uguale.

Jonathan Safran Foer

Questa voce è stata pubblicata in 200X, Catene, Linea d'ombra, Scivola e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Gli squali se non nuotano muoiono

  1. ilmagodiossh scrive:

    Quel libro.
    E niente.

  2. laura scrive:

    questo è un libro per volersi bene. per volere bene. sì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *