E Rita s’è sposata

L’altra sera mi sono ritrovato con soltanto 50 centesimi nel portafoglio, divisi in pezzi da venti e dieci, peraltro. Avevo anche una moneta araba, un bottone, e delle pesetas bucate, ma quelle non valevano. Con cinquanta centesimi nel portafoglio non compri da bere nemmeno negli autogrill più sfigati, i Fini per dire, o Chef Express, quelli che tentano blandamente di imitare gli Autogrill di nome e di fatto. Così ho optato per la Statale, ma anche lì, le macchinette dei benzinai non offrono nemmeno un goccio d’acqua, con cinquanta miseri centesimi. Fortunatamente abito in Emilia, e mi sono ricordato che nei paesini dell’Emilia (ma anche alle porte di Ferrara, e in centro a Mantova, per la precisione) hanno piazzato distributori automatici di latte fresco.

Allora sono arrivato a Lovoleto, all’ingresso di Lovoleto c’è questo distributore che va anche di notte, essendo automatico, ho preso la bottiglia vuota reduce da Lucca e da ore di coda e di sole, ho infilato le monete da venti e da dieci e l’ho riempita di latte. Sono risalito in macchina, ho infilato un altro cd originale appena comprato poco prima, segno del mio inesorabile imborghesimento, ho bevuto il mio mezzo litro di latte fresco, di notte, con i finestrini abbassati, gettando parole sui sedili e facendole rimbalzare fuori, col vento che entrava da tutte le parti, tanto che per un attimo ho pensato, stai a vedere che ora cambiano le cose.

Sopra al cd ci ho fatto scrivere che non è mica la fatica, no. Ieri han fatto la cover di quella canzone di Rino Gaetano lì sopra. Stamattina avevo mal di pancia e la gola da schiarire, e ho scoperto che il vento di ieri sera lo facevano enormi ventilatori nascosti tra i campi, alimentati dai ricordi che non abbiamo ancora digerito e tornano indietro e ci sembrano novità, da quanto le abbiamo masticate.

Questa voce è stata pubblicata in Asfalto e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a E Rita s’è sposata

  1. Alessandra scrive:

    ce li abbiamo anche a Parma quei distributori lì.

  2. Attimo scrive:

    La famosa ‘Parma da bere’.

  3. Alessandra scrive:

    ahah! sì, proprio quella! 😀

  4. e. scrive:

    A un assetato in maglietta azzurra avrei dato subito dell’acqua. Sotto le telecamere di insicurezza.
    Per un bottone, ma anche meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *