L’ultima copia

Sto ascoltando le cicale, mi pare di ricordare che sia la prima volta, quest’estate, che riesco a sentirle. Da una rapida e sommaria analisi dei loro discorsi, mi pare di capire che abbiano decisamente ragione.

L’altra sera a quel concerto sono successe diverse cose belle. Forse un giorno mi metto qui e le elenco, o forse le rimpiangerò in silenzio, o forse escogiterò nuovi diabolici piani per fare in modo che succedano ancora. O forse, nulla di tutto questo.

Questa voce è stata pubblicata in Linea d'ombra e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a L’ultima copia

  1. fede scrive:

    io le rimpiangerò in silenzio…

  2. alice scrive:

    anche io sto ascoltando le cicale, ieri pomeriggio e questa mattina in cui sono particolarmente potenti, e pure io ho pensato che non si erano fatte vive da troppo tempo.
    Che coincidenze.

  3. Attimo scrive:

    Non so da te, ma qui a Ferrara era praticamente il primo giorno, quest’estate, che si sentivano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *