La valeriana l’ho finita

Ho chiesto un lembo di terra di circa 70 cm per 50 cm. La profondità non è un problema, potrò scavare quei 90 cm di cui avrò bisogno. Sembra perfetto, anche se ci batte sempre il sole e potrebbero esserci ritorsioni dai vicini.

Poi c’è quell’albero a Santa Bianca, ha almeno 100 anni, sta là sull’argine del Panaro e sembra fatto apposta per scriverci sopra.

Siamo andati a Pavia, da faccendieri con le mani sporche di inchiostro. Siamo andati a Verona, su a Castel San Pietro, dove c’è quel ristorante da dove si vede l’Adige fare le curve, a sbirciare i matrimoni degli altri dall’alto, scattando foto come fossimo paparazzi nascosti dalle siepi.
Siamo andati a Fossoli, e abbiamo trovato il palco vuoto e le sedie accatastate.

Sai che adesso metto i depliant informativi del referendum sull’acqua sul treno? Salgo, mi siedo dove ci sono 4 posti vuoti, li tiro fuori dal mio zaino e li posiziono sopra la mensolina. E aspetto Rovigo, Padova, aspetto che ci salga la gente e li guardi. Non li guardano quasi mai. Mentre io non riesco a staccare lo sguardo dalla gente. La fisso, la osservo, come la signora di questo pomeriggio che sale a Mestre e mentre si siede leggendo una copia di Sorrisi e Canzoni fa cadere i depliant sul pavimento ma non se ne accorge, li fa cadere e li calpesta e io li guardo, i suoi piedi e i depliant per l’acqua pubblica, ma non dico niente. Aspetto che scenda ad Abano, sempre con Sorrisi e Canzoni in mano, per tirarli su e rimetterli al loro posto, sulla mensolina, pronti per nuovi pendolari, questa volta è il turno di una ragazza sbracciata e dagli occhiali esili e i capelli molto lunghi, che prima di accendere il suo macbook bianco sfoglia un attimo il depliant. Ma poi lo lascia dove l’aveva trovato, e così arriva Ferrara, io devo scendere, e come i mendicanti che passano in rassegna il vagone lasciando il fogliettino “ho fame aiutatemi vi prego” su tutti i sedili, per poi tornare indietro e raccoglierli senza che nessuno o quasi abbia versato l’obolo, io raccolgo i miei depliant sul referendum sull’acqua praticamente intonsi, escluse le impronte della signora che leggeva Sorrisi e Canzoni, e me li rimetto nello zaino, senza che nessuno o quasi li abbia guardati.

Attutire cosa?

Questa voce è stata pubblicata in Asfalto, Catene, Itaglia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *