A reti unificate

Una donna andava al cimitero a lamentarsi col marito defunto di com’era dura la vita. Il guardiano, che non ne poteva più, di questa cosa, aveva detto, con voce d’oltretomba, da dietro un albero:
– Friggi delle ciambelle.
– E come faccio a friggerle? Non ho soldi.
– E allora non friggerle.
– E come faccio a non friggerle? Muoio di fame.
– E allora friggile.

[Il’ja Il’f, Zapisnye knižki (Taccuini), Moskva, Tekst 2000, p. 164 ]

(via paolonori)

Questa voce è stata pubblicata in Catene, Linea d'ombra, Scivola e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *