Troppo tardi

Mi ricordo che il mio prof di Fondamenti di Informatica 1, all’università, apostrofava sempre così i gonzi che rientravano in aula dopo il termine della pausa: “Troppo tardi”.

Lo diceva così, serafico e con delle erre arrotate su se stesse. A me faceva ridere molto, ma lui era terribilmente serio. Forse fingeva.

Poi un’altra cosa che mi ricordo, sempre riguardo allo stesso pvofessove, è quella volta in cui doveva registrarmi il voto sul libretto. Coda infinita, mi pare fosse tipo Inglese (era un pvof poliedrico, diciamo così), avevo anche preso un bel voto, in Inglese, un bel 29 suonante (certo, la media generale era 30, per quell’esame lì), così gli porgo il libretto e lui inizia a scrivere nella casella dell’esame il mio Nome e Cognome. Così lo avverto: “Prof, guardi che quello è il mio nome-cognome”. Lui reagisce emettendo un ‘ahhh’ trasognante, tenendo premuto il tasto h delle sue corde vocali per qualche secondo. Poi ci piazza una bella riga sopra, al mio Nome e Cognome, e passa alla casella successiva.

Ogni tanto ci ripenso, che mi sono laureato senza riuscire a passare l’esame “Nome e Cognome”. E ci hanno messo una riga sopra.

Questa voce è stata pubblicata in 200X e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Troppo tardi

  1. Simur scrive:

    Complimenti per la grafica nuova! Apprezzo molto la testata!

  2. Attimo scrive:

    Sapevo che avresti apprezzato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *