Un freddo

Secondo te là fuori potrebbero esserci delle navi?
Non credo.
Non riuscirebbero a vedere molto lontano.
No. Infatti.
E dall’altra parte cosa c’è?
Niente.
Ci deve pur essere qualcosa.
Magari ci sono un bambino e il suo papà seduti sulla spiaggia.
Non sarebbe male.
Già. Non sarebbe male.
E magari anche loro portano il fuoco, no?
Sì, magari sì.
Però non lo sappiamo.
Non lo sappiamo, no.
Quindi dobbiamo tenere gli occhi aperti.
Dobbiamo tenere gli occhi aperti. Esatto.
Quanto possiamo restare qui?
Non lo so. Non abbiamo molto da mangiare.
Lo so.
Ti piace qui.
Sì.
Anche a me.
Posso andare a fare il bagno?
A fare il bagno?
Eh.
Guarda che ti geli le chiappe.
Lo so.
L’acqua sarà freddissima. Peggio di quanto pensi.
Non fa niente.
Non voglio doverti venire a ripescare.
Secondo te è meglio che non ci vado.
Se vuoi vai.
Però secondo te non ci devo andare.
No, secondo me ci devi andare.
Davvero?
Sì, davvero.
Ok.

Cormac McCarthy

Questa voce è stata pubblicata in Linea d'ombra, Scivola e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Un freddo

  1. Mattia scrive:

    Capolavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *