Cose semplici e banali / 5

Veramente poche cose mi mettono di buonumore. Una è leggere notizie di una sconosciuta che sta in Inghilterra e “a una montagna di ricordi preferisce una piccola speranza”.

La nebbia qui è così fitta che lascia una patina oleosa sui miei occhiali. Ma “tu non preoccuparti – tu non preoccuparti”.

Scremare duemila (2000) foto non è sano. Non si dovrebbe fare. Fare tartine con biscotti secchi e nutella bianca è sano, invece. Se ne dovrebbero fare almeno duemila (2000). Scoprire che su cinquecentoventiquattro (524) foto scattate, di decenti ce ne sarà tipo una, è sano: riporta alla realtà, tutto sommato. La realtà invece no, non è sana.

Barattare buoni pasto per grassi saturi a digeribilità lentissima, è sano.

Venezia, quella vera, è quella che ho visto oggi, e non la squallida chiatta grigia di tutti gli altri giorni. Mentre realizzavo goffamente un set fotografico in un hotel dove avrei voluto portarti. Poi a piedi per Santa Maria Formosa, i campanili, la gente la gente e la gente (niente orsi, purtroppo, ma ci accontentiamo). Fare pipì furtivamente in un regionale per Verona, che se non fai in tempo a scendere quello parte e chissà dove finisci. Ma ti scappava. Poi un regionale per Ferrara, e non il solito diretto a Bologna: un punto di arrivo e non una tappa.

Ecco, un’altra cosa che mi mette di buonumore (il tempo di scendere nel sottopasso, non ci allarghiamo) sono i regionali che arrivano quindici minuti prima del solito. Sbirciare nei telefonini altrui nascosto dai sedili del Vivalto (non faccio apposta). Raptus improvvisi che ti fanno abbonare a Wired solo per toccare ogni mese quella deliziosa carta gommosa della copertina. Anche se su Wired trovi solo un articolo uno degno di nota (indovinate quale).

Rimando in continuazione il giorno in cui andare a Vicenza per dimostrare a me stesso che sono sempre capace di scrivere. Chè dovrebbe essere come andare in bicicletta, no?

Credo che quest’anno non nevicherà mai, nemmeno una volta. Mica come l’inverno scorso. Quest’anno al massimo piove.

Questa voce è stata pubblicata in Asfalto, Linea d'ombra e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Cose semplici e banali / 5

  1. Me scrive:

    veramente molte cose piccole mi mettono di buonumore.
    una di queste è la cioccolata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *