Gloomy planet

Più o meno la penso così, pacatamente e serenamente, sullo stato attuale del mondo. Non mi pare così difficile da cogliere:

Molti commentatori sono sembrati perplessi dal fatto che i manifestanti si siano focalizzati sulla crucialità delle questioni climatiche tanto quanto su quelle bancarie e del credito. Cosa ha a che fare tutto ciò con un G20 che tenta di rivitalizzare l’economia globale? Perché sventolare e mostrare cartelli che recitano “la Natura non si toglie le castagne dal fuoco da sola”? Perché entrambe le crisi, ecologica ed economica, hanno le loro radici nella medesima ideologia, ed entrambe hanno la medesima soluzione.

Stiamo affrontando un’economia al collasso e un pianeta in rapido surriscaldamento a causa di una ideologia estrema che ha dominato gli affari del mondo per svariate decadi. Si pensa e si crede che i mercati non siano soltanto strumenti utili in certe circostanze; ma che siano un meccanismo infallibile per far funzionare le questioni umane. Se l’economia è fluida, scorre, il mercato si auto-regolamenterà nei suoi comportamenti in maniera volontaria. Ecco, ora sappiamo bene come funziona questo fondamentalismo.

(estratto di una articolo sul The Independent, tradotto da Buldra)

Questa voce è stata pubblicata in 200X e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *