Lucidità

Eugenio Scalfari ci illumina e ci dà lezioni di Lucidità.

Stanno tentando di confonderci le idee, riuscendoci perfettamente. Da una parte c’è Eluana, la sua vicenda personale. Dall’altra c’è un Governo, una Chiesa e squallide manovre alle spese della Costituzione, di una società e di una Civilità. Due filoni ben distinti, di cui uno si nutre atrocemente dell’altro, per scopi ulteriori. E’ così, perchè Eluana sta in quel letto da 17 anni, e saltare fuori l’ultimo giorno utile è quantomeno sospetto.

Il secondo filone è stato agganciato al primo, ed ora non ci si capisce più nulla. Quindi si sproloquia, si alzano i toni, si esaspera, si allontana chi voleva capire e si avvicina chi stava già soffocando.
I giornali la buttano sul Dramma (Eluana vive? Eluana forse ci può sentire?), i comportamenti ufficiali del Governo in carica vengono intrecciati al sondino dell’alimentazione. Gli viene data una luce diversa.

Noi non ci capiamo più nulla. Ci dividiamo ulteriormente, incazzandoci, litigando tra di noi, estremizzandoci.

Il Caos pre-ordinato. Lezione memorabile.

Questa voce è stata pubblicata in Itaglia, miscoppialatesta e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Lucidità

  1. alicesu scrive:

    io non litigo nessuno e non ho le idee confuse.
    Dovresti spegnere la tv e smettere di leggere i giornali e (indovina?) uscire nelle piazze e parlare con le persone.
    Se non cominciamo a farlo, avranno vinto loro. col gossip irrispettoso, stupido e malvagio.

  2. Attimo scrive:

    (Premetto che sei andata fuori tema con il post, ma va beh)

    Certo Alice. Vedi, tu hai fondamentalmente ragione, ma fai partire la Discussione (quella sul Mondo si merita la D maiuscola) da un piano superiore rispetto al mio. E’ ovvio che così potrai sempre smontare qualsiasi mia teoria o comportamento. Non so se mi spiego.

    Ma come ho tentato di farti capire anche con il mio ultimo commento nel tuo blog, che ti piaccia o no gli Altri esistono. Non che questo debba avere una influenza sulla tua vita, non ce l’ha infatti, non sono –così– fissato davanti alla tv per non capirlo. Dico solo che gli Altri hanno un’enorme differenza sul Mondo. Tu vorresti che il Mondo cambiasse (parli di vittorie, di iniziare a uscire nelle piazze, quindi il Mondo ti deve in qualche modo interessare, no? Deve centrare nel discorso, no?), ma senza gli Altri, il Mondo difficilmente cambierà. Anchio non avevo le idee confuse, Alice, eppure guardo la tv. Non conta quasi un cazzo, nel Mondo, cosa fa un Singolo. Conta cosa fa un Singolo “in relazione” a un altro singolo, e così a catena.

    Salvo costruirsi un Mondo fatto di un’unica persona controllabile, ovvero se stessi. Cosa che peraltro, a modo mio, sto facendo, senza dare tutta quella importanza a una tv accesa o spenta.

  3. alicesu scrive:

    Gli Altri -per fortuna- stanno capendo che il mondo non è quello da te descritto. O, meglio, lo sarà ancora per poco.
    Non è che in piazza parlo da sola. Oggi c’erano duecento persone.

  4. alicesu scrive:

    ah, non sono andata fuori tema.

  5. Attimo scrive:

    Io non pretendo di descrivere nessun mondo, descrivo UN mondo, ce ne sono tanti di mondi…

    Una curiosità, ma l’hai letto tutto il mio commento?

  6. alicesu scrive:

    Ovviamente sì. Altrimenti come avrei potuto risponderti?
    Probabilmente il problema è che continui a porti domande sbagliate, come questa che mi hai appena posto. Ma, sinceramente, non è un problema. Non un mio, per lo meno.

    Ah, inutile trattarmi con sufficienza come stai facendo. Anche perché, fino a prova contraria, si attaccano le idee e non le persone.
    Con questo chiudo perché mi pare tutto una grande, grandissima perdita di tempo.

  7. Attimo scrive:

    Guarda che la sufficienza ce l’hai messa tu per prima. Chiudiamo, sì, con me c’è solo da perdere tempo: domande sbagliate, sufficienza, ecc.

  8. alicesu scrive:

    Il mio primo commento non ha nulla di sufficienza. Ma ora sì, comincio a provare questo sentimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *