Fixing a hole in the ocean / 4

Non potevo farmi mancare, proprio per l’ultimo esame universitario della mia vita, il classico numero della Figuretta. Chiudo l’imbarazzante capitolo degli esami con un 18 calato quasi come una concessione. In fondo non poteva che andare così, incerto e titubante fino all’ultima firma sul libretto.

Per la prima volta in sette anni, parole come “fine” e “laurea” acquistano un senso.

Questa voce è stata pubblicata in Catene. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Fixing a hole in the ocean / 4

  1. Francesca scrive:

    ti faccio i miei complimenti e anche se non si fanno, si fottano tutti i superstiziosi, e tu da buon ingegnere spero non lo sia, i miei migliori auguri per un futuro in salita! e vadano a farsi fottere anche l’insicurezza e i pensieri pessimistici!!!

    la parola che tra un po’ acquisterà un senso è INIZIO.

    Buona settimana!

    Francesca

  2. anna scrive:

    Ecco, così con la laurea sarai libero di fare lo schiavo di chi ti pare anche senza partita a scacchi.
    ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *