Mark Jenkins
Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

5 risposte a

  1. Ale_87 scrive:

    clamoroso, direi.

  2. kymma scrive:

    oddio che impressione

  3. medo scrive:

    “Clamoroso” può appunto esserlo solo per un ’87. E’ la vita che è tutta una performance, l’arte è diventata pisciare e cacare ad ogni angolo la propria “idea”.

    Cioè: l’arte non è un concetto che si può applicare più a nulla. Nemmeno un Goya o la Divina Commedia, oggi, possono essere detti arte. S’è fatto e disfatto tutto e troppo.

    E’ finita.

    Amiamo le donne, amiamo gli uomini e stiamo zitti.

  4. Ale_87 scrive:

    @medo: è triste che tu dica “è finita”. triste nel peggior senso in cui io lo possa intendere. il concetto di arte non esiste. l’arte è pura soggettività, nel modo in cui viene concepita e recepita. mi giudichi (me, un’intera annata e, immagino, tutti quelli venuti dopo, ma anche un po’ prima) per un commento che recita “clamoroso”, senza domandarti cosa sottende. è un tempo, il nostro, che, è vero, ha sfatto e disfatto tutto e lo ha reso differente, ma solo i ciechi e gli orbi possono pensare che le cose dovessero o potessero restare immutate. il punto è che le cose restano davvero immutate, ciò che cambia è il modo di pensarle. arte non è solo dogmi e ufficialità, non è solo esempi retorici o classici, non è solo compostezza. ci sono espressioni artistiche di dubbia moralità e di dubbio gusto, ma lascia che sia ognuno, per se stesso, a scegliere. la vita sarà pure una performace, uno sbattere ovunque qualunque cosa per fini più o meno apprezzabili; la società sarà pure rovinata e in declino e l’arte non fa altro che ritrarre, riproporre e dimostrare questo sfascio. il problema, quindi, sta altrove. oggi purtroppo non si può più pensare di comportarsi da estranei rispetto al mondo e questo perchè il mondo è globale…ma soprattutto perchè non c’è più tempo per illudersi.

    comunque, qualcosa di clamoroso non è necessariamente bella o necessariamente brutta. se qualcosa suscita clamore vuol dire che ha un impatto speciale su chi la guarda, quindi, risparmiami le critiche gratuite.

    ale

  5. Ale_87 scrive:

    e tra l’altro, fossi in te, andrei a visitare il sito di questo “Mark Jenkins”. magari cambi idea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *