.

Gli sviluppi odierni conferiscono alla vicenda dei ritrovamenti un’aurea sinistra e grottesca. Meritano un post a parte insomma, per stilare e aggiornare l’elenco di quello che sta diventando un itinerante "ufficio di oggetti smarriti". Forse sono meno distratto mentre cammino per strada, forse sono coincidenze, forse sta per avverarsi una terribile profezia (che io non sto cogliendo, tra l’altro).

Ven 5 ott: passeggiando per Via Mazzini calpesto una carta da gioco. E’ un 3 di quadri, e me lo infilo in tasca, con l’impronta della mia scarpa a insozzare i riquadri rossi. Che vorrà dire?
Dom 7 ott: seminascosta nel terriccio sotto una panchina, trovo una spilletta rossa, con impresso sopra un 76 nero.
Mar 9 ott: Trovata un piccolo ciondolino, a forma di G, fatto di brillantini. Aiuto.
Mer 10 ott: Sempre per strada, scorgo un tappo per lavandino (o doccia, dalle dimensioni) con relativa catenella. Non lo raccolgo, a differenza degli altri, in quanto non rappresenta un simbolo alfanumerico, e poi mi faceva pure un po’ schifo l’idea di portarmi a casa un tappo di lavandino (o doccia). Ma pochi metri più avanti, ai piedi della mia Punto, timida staziona una monetina da 2 cent (olandese).

Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

4 risposte a

  1. utente anonimo scrive:

    ok. chiederò alla mia sfera di cristallo cosa ne pensa…lasciati ispirare.

    bacio

    ale

  2. utente anonimo scrive:

    urge patatina

  3. utente anonimo scrive:

    Preoccupati.

    Sono segni.

    Evidenti.

  4. Folle scrive:

    Giocali tutti questi numeri fabio, non farteli scappare… 3 settimane, non una di meno non una di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *