Ci si stupisce di fronte a fenomeni come questi, a volte fino a sfociare nell’irritazione verso questo sport perchè tanta e tale gioia pare immotivata e immorale e ingiusta. Ma io penso ci sia qualcosa di positivo nel vedere tracimare come un fiume in piena tale entusiasmo, sentire le urla dei miei amici entrarmi nella pelle, assistere a una partita vibrante e conclusasi con un finale thriller, sentirsi ubriachi, perchè in fin dei conti è come una colossale sbronza che cala le inibizioni e ti fa gioire beato come un bambino e ti fa abbracciare tutti quanti. Mi ritrovo ad abbracciare tutti, e solo perchè un uomo in mutande ha dato il giusto effetto a una palla rotonda che si è infilata in rete. Non esiste una spiegazione logica ma io mi "inchino" a uno sport che è capace di provocare tale catarsi e regressione allo stato infantile, abitato non dai perchè e percome ma dai vagiti ingenui e squillanti.  E’ bello così, rimanere appesi all’assurdità del calcio, qualcosa che mi è entrato sottopelle e non indotto dalle masse, qualcosa per cui pedalo alla mattina con una bici scassata e sento il profumo delle strade della sera prima, l’odore di frizioni bruciate e corpi sudati, di birra spruzzata e di corde vocali sotto sforzo, osservo balconi che si riempiono di bandiere tricolori. Trovo che sia una visione molto innocua e molto inutile, pacifica e innocente perchè insensata, come quelle cotte adolescienziali che magari non sei davvero innamorato ma hai voglia di vederla, di stringerle la mano e di rotolarsi nei prati, e chissenefrega se domani non ci si vedrà più, o se lei fila dietro a un altro o se non è vero amore. Vuoi solo sentire il profumo dell’erba, e ridere come un bambino.
Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

13 risposte a

  1. Ale_87 scrive:

    anch’i mi inchino all’assurdità del calcio. lo amo. e non so perchè. è così, fanciullescamente, irragionevolmente, ieri sera ho urlato in mezzo alla strada, in preda ad un attacco di follia. amo il calcio: è lo sport più bello del mondo.

  2. utente anonimo scrive:

    Naturalmente, il tuo è un bellissimo post. Ma odio le modo. Odio questo essere per forza parte di una cosa che non è detto che debba invece interessare. Ripeto per l’ennesima volta: è come quando chi non ama leggere, si divora il Codice da Vinci. E’ solo populismo, perchè la passione per lo sport è una cosa.. ma questo proliferare di novelli amanti del calcio, è un’altra.

    Alice

  3. Ale_87 scrive:

    io penso che calcio e populismo non siano termini che possano essere accostati. quelli che, soltanto perchè c’è il mondiale, tutto ad un tratto diventano tifosi non sono neppure da biasimare e, comunque, si riconoscono a distanza…si vede quando una persona non ne capisce niente in generale e, in generale, non si sta interessando alla partita. nel calcio, penso, non esiste populismo;però esistono competizioni, come quella appena conclusa, che assieme all’amore per uno sport coinvolgono anche l’amore per un paese…certo, dovrebbero essere altre le cose che ci uniscono, ma l’Italia funziona così. e lo sport, comunque, è uno dei più grandi elementi di coesione esistenti. no, non biasimo i novelli amanti…quelli che di calcio non capiscono una mazza e che, quando arrivano i mondiali, diventano tifosi…perchè quando si giocano i mondiali si mette in campo anche qualcosa che trascende il calcio stesso. evviava i novelli amanti, allora, che si lasciano trasportare dall’euforia nazionale e provano a commentare la partita, dicendo molte stupidaggini…anche questo è calcio.

  4. attimo scrive:

    CAMPIONI DEL MONDO! (dopo leggo i commenti e rispondo, ora scusate…)

  5. nullsoft24 scrive:

    è stato un attimo,120minuti,un battito di ciglia;

    sport strano questo

  6. ma.L.ice scrive:

    Scusate, ma si parlava di calcio o di metafisica nei commenti quì sotto?

    Mentre cercate una risposta, vado a dare l’ultimo esame in rigorologia.

    Ma.

  7. attimo scrive:

    Mi raccomando: non guardare il portiere e non cambiare idea all’ultimo momento 😉

  8. utente anonimo scrive:

    amo il calcio ma quello visto nel 2006 ha ben poco del calcio che conosco_domani finirò in serie B, ad andare bene_non posso festeggiare, ho pianto di gioia e di rabbia solo per una maglia e non è quella azzurra_ah, domani sera son tutti al pineta, se fai un salto son tutti lì…tranne la coppa_bando

  9. Ale_87 scrive:

    ma.L.ice, tu che ne pensi? metafisica o calcio? sarebbe interessante capire se hai qualche idea in proposito. così ci aiuti a trovare la risposta…

  10. Minerva84 scrive:

    Alla fine pur non essendo una tifosa mi sono goduta i festeggiamenti come se lo fossi stata.

  11. utente anonimo scrive:

    Inutile dire che non sono d’accordo. Si da troppa importanza a un semplice sport. Tutti che diventano italiano, per un pallone. E’ molto fastidioso.

  12. Ale_87 scrive:

    che significa “troppa importanza ad un semplice sport”? il calcio è lo sport più bello del mondo e non sono io a dirlo, ma i dati di fatto. dire che gli si dà troppa importanza mi sembra ingiusto, soprattutto per chi è un tifoso: è come dirgli che ha una passione inutile. mi dispiace, è un commento che non apprezzo, nè condivido.

  13. Alicesue scrive:

    gente che corre dietro a un pallone. Dove è la bellezza di tutto questo? ma, comunque, non è questo il punto. Sarebbe come cercare la bellezza della musica, probabilmente. Ognuno faccia quello che vuole. Ma non mi va il populismo.

    Oramai la rabbia è un po’ scemata, quindi chi se ne frega. Ma trovo fastidio per i non tifosi che si improvvisano tali perchè è moda.

    Per i tifosi veri, niente da dire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *