Due storie. Apparentemente slegate e in contesti diversi, credo abbiano comunque un tratto in comune. Il nulla di fatto, la mancanza di una soluzione, il percorrere un triste binario morto.
A Ferrara, e non ho detto nel Bronx, ma a Ferrara, può capitare a un ragazzo semifatto che passeggia per una tranquilla stradina alle 5 di domenica mattina, di venire pestato dalla Polizia e poi crepare sull’asfalto, con le manette addosso. Può capitare che la faccenda venga snobbata dai giornali (il ragazzo non era albanese e quindi non c’era la pista degli extracomunitari che tanto soddisfa il simil-razzismo della gente per bene, e di mezzo c’era la Polizia che tanta reverenza incute agli organi ufficiali), e anche questa morte venga dimenticata. Poi la madre apre un blog in cui denuncia che qualcosa non è tutto chiaro, un qualcosa molto pesante e inquietante su come è morto quel ragazzo. Qui Eugenio spiega per bene tutti gli atti di questa sinistra vicenda, giunta a una fase di stallo. Da una parte dicono che non c’entra la polizia, dall’altra dicono che c’entra eccome. Risultato: la Verità non abita (ancora?) qui.
Ad Acerra, paese in provincia di Napoli, si muore di tumore con percentuali spaventose rispetto alla media nazionale. Ci sono delle aziende chimiche che buttano fuori di tutto, discariche abusive dove non si getta soltanto la bicicletta rotta, c’è una opprimente realtà dove l’alternativa alla Morte (in senso fisico ma anche in senso sociale) è la Fuga. Fate girare il link di questo sofferto post dove si prende coscienza in prima persona della situazione completamente sfuggita di mano. Anche qui, immersa nel totale silenzio della stampa, mi chiedo come sia possibile far saltare all’attenzione di tutti questa vergogna, e anche se si accendessero i riflettori, che accadrebbe? C’è veramente speranza? Vedo solo nebbia, in fondo al binario della verità.

Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

Una risposta a

  1. bando scrive:

    ho letto sui giornali stamattina che qualcosina si è mossa. non sarà la verità ma è già qualcosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *