Latito. Non chatto, non smessaggio, non leggo i blogs, non li commento, non posto, non scrivo, non mantengo i contatti, non rinnovo i migliori auguri, non compro regali di Natale (l’idea della scatola vuota diventa quanto mai invitante…), non ordino, non leggo i giornali che compro, non guardo film, non ascolto la musica che prendo in prestito, anzi, non la prendo più neanche in prestito, non mangio cioccolatini, non chiarisco le questioni, non sorrido alle persone, non vado a ballare, non vado nei locali, non bevo birra, no, nemmeno una Dreher, non mangio mascarpone, non faccio sport, non riempio i bollettini postali di beneficienza che, loro sì, mi riempiono la buchetta della posta, tutte a Natale, che coincidenza, non mi ricordo più se credo o meno alle coincidenze, non faccio le classifiche di fine anno, anche perchè metterei nei primi posti roba uscita anni prima, non presenzializzo, non mi rendo simpatico, non racconto cosa mi succede ai miei amici (tranquilli: niente, è il "mondo" che mi "succede", se la capite entro capodanno vi offro un chupito), non mi dischiodo dalla categoria singol (sempre fedeli alla linea, cit.) non spalo la neve in cortile, anche perchè non nevica, non programmo il capodanno, non pulisco sotto la piastra delle pizze, non opero la vendita suggerita, non organizzo serate dove far convergere le nostre vene artistiche, non prometto e non mantengo, non studio nemmeno tanto. Non organizzo nemmeno cene prenatalizie. Lui sì, però, e chissà che non faccia in tempo ad andare pure io. Se siete di passaggio a Bologna martedì sera, magari ci si saluta e si beve un marocchino alla nostra salute. >>

Da dove veniamo?
Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

7 risposte a

  1. lucagabrielli scrive:

    cammini avanti al mondo e il mondo ti segue!!! ora voglio il mio chupito!!! comunque pollice in su per la filosofia forse prenatalizia, forse premondo.

  2. IRI scrive:

    ti capita di tutto senza che tu muova un dito (mia interpretazione)

  3. attimo scrive:

    Luca, interpretazione etimologicamente corretta (poi mi spieghi cosa vuol dire etimologicamente) ma errata. Il chupito te lo offro lo stesso, tanto io mi arrangio col Chinotto rimasto in frigo. Iri, conoscendomi direi che è quella azzeccata, ma pur con tutto il bene che ti voglio non è quella che intendevo io 🙂

    Sembra stia diventando un quiz (stupore).

  4. Ale_87 scrive:

    ok, visto che è un quiz, ci provo io e se indivino? vabbè, se indovino poi si vede.

    “fa freddo, in tutti i sensi”…e il freddo si prende tutto quello che di solito hai. ti perdi appresso al niente, perchè il niente ti sembra avere intorno. non trovi “il senso”. resti fermo. infreddolito. e il mondo cammina senza di te.

    un abbraccio forte forte, per riscaldarti un po’. bacio, ale

  5. ViperaVenerea scrive:

    A me come filosofia non dispiace. Sembra me.

    (il mondo ti succede perché le cose ti capitano e tu stai fermo lì, passivo come un lichene, a prendertele in testa? se avessi vinto, posso scambiare il chupito con un cuba libre, che almeno so cos’è?)

  6. utente anonimo scrive:

    alcune cose succedono anche a me, ovvero non le faccio capitare. sono stati d’animo, altri sono scelte, quindi per scegliere occorre che si decida. questo discorso non ha nè capo nè coda.

  7. attimo scrive:

    Non le faccio capitare, nè mi interessa molto che capitano. Mi succede, nel senso che “avviene” a me che mi ritrovo qui, in questo momento della linea temporale. Bando, apprezzo lo sforzo. Ale, hai aggiunto senso al senso, non era facile. Vipera, più cubalibre per tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *