Riflettevo su una possibile storia che in un futuro imprecisato, diciamo Mai, prenderò la briga di buttar giù. Un tipo, o una tipa, legge avidamente ogni sera, si sfianca con letture infinite fino alle 4 del mattino, divora biblioteche su biblioteche e arriva ad un punto in cui non sa più cosa leggere. Si butta sui fumetti, analizza etichette di shampoo&balsami, sfoglia con morbosa curiosità l’elenco telefonico di Milano e Provincia, consulta le ricette di Zia Pina, scartabella le bollette degli ultimi lustri e poi di nuovo da capo: il sonno non arriva e il soggetto in questione rimane sdraiato sul letto, occhi sbarrati e paurosa crisi di astinenza. Prende il telefono e chiama il suo lui o sua lei, che ne so, entrambi magari, e gli racconta questa sua ansia nel leggere, robe tipo "placami la mia sete". Dall’altro capo del telefono si prende a cuore la vicenda, e si decide di dedicare la propria fantasia e ispirazione per questo nobile scopo: se non ci sono più libri che puoi leggere, ogni giorno scriverò io una storia per te. Le sue giornate passano a scrivere pagine che verranno poi lette alla sera dal divoratore (o divoratrice, devo ancora scegliere) di parole scritte: racconti che si svilupperanno mesi, brevi dissertazioni, flussi di coscienza, saggi storici, romanzi d’avventura, qualsiasi forma narrativa verrà impiegata per riuscire a far prendere sonno. Ogni notte si addormenterà su questo esercizio di produrre il nuovo, oltrepassare le colonne d’Ercole della Originalità e produrre ogni giorno il Diverso. Una folle ambizione di sopperire al già letto, già ascoltato e già sentito: sono finiti i libri da leggere? Te li scriverò io.

Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

3 risposte a

  1. Ale_87 scrive:

    ti prego fallo. scrivi questa storia.

    e queste sono le parole che mi spingono a spingerti a scrivere questa storia:””Ogni notte si addormenterà su questo esercizio di produrre il nuovo, oltrepassare le colonne d’Ercole della Originalità e produrre ogni giorno il Diverso. Una folle ambizione di sopperire al già letto, già ascoltato e già sentito: sono finiti i libri da leggere? Te li scriverò io.””

    Fabio, pensaci bene. scrivi.

    kisses, ae

  2. Dalia scrive:

    Live forever.Ciao. …

  3. IRI scrive:

    questo mi piace assai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *