[Rivolto a chi si chiede cosa ci sia di interessante nello sport. Invece di farvi un sermone, indicherò due esempi]
Il primo, domenica scorsa, Giro d’Italia. Ciclismo, sport da vecchi, secondo molti luogocomunisti. Salita lunga 24 km (lo Stelvio), oltre i 2000 metri di quota, aria rarefatta, temperatura sui 5 gradi, vomito e diarrea che ti consentono di mangiare solo due banane. Eppure, questo tizio decide di pedalare lo stesso, arrancando sui tornanti e patendo l’indicibile. Arriverà al traguardo quando gli altri corridori sono già sotto la doccia. Epico.
Il secondo, beh, basta aver visto la finale di Ciempions di ieri sera: cose dell’altro mondo. Strabiliante.

Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

2 risposte a

  1. attimo scrive:

    Quel tizio col cagotto, oggi ha vinto. Grande.

  2. attimo scrive:

    Ha rivinto un’altra tappa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *