Budapest mon amour

Si sbronza la sera prima di prendere l’aereo, perde i bagagli a Dusseldorf (dusseldorf, che nome teutonico) e si ritrova esaltato a picchiettare tasti in un internet cafè, gioioso ed eccitato. E’ una furia, quel pittore. Stanotte dormirà di fianco al Bel Danubio Blu. Già invoca rinforzi da Ferrara. Avanti così e mi dimetto da ingegneria, rubo una macchina e mi sciroppo 6 ore di autostrada fino a raggiungere la terra magiara.

Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

2 risposte a

  1. milford scrive:

    sei ore, devi rubare una macchina veloce.

  2. attimo scrive:

    Ruberò una macchina veloce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *