Il nichilista
Ero sdraiato a terra che battevo pugni e piedi sul ciottolato, in preda a una crisi isterica, quando finalmente ho avuto l’illuminazione. Regaliamo tutti quanti scatole vuote. Contenitori pieni solo d’aria. Credo sia il regalo più istruttivo e propositivo che possiamo fare. Regaliamo un’opportunità, un incentivo: diamo un foglio di carta bianca, e lasciamo al destinatario la possibilità di riempirlo, con la sua penna e i suoi colori, o magari di lasciarlo così come lo riceve, intatto. Invece di regalare oggetti preconfezionati, doniamo scatole vuote. “Tieni, riempila con quello che vuoi”. A pensarci, non è affatto banale.



Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

11 risposte a

  1. lux7 scrive:

    basta che il foglio bianco sia un assegno firmato allora si che chi lo riceve è contento

  2. attimo scrive:

    Qualcuno fermi questo cavallo pazzo dei blog.

  3. attimo scrive:

    (però un pò c’hai ragione. ma vai sempre fuori tema)

  4. bando scrive:

    così ce la caviamo con poco_peccato che quello che voglio io (francescorutelli in carne ed ossa da marterizzare durante le vacanze)nella scatola non ci stia_bella idea

  5. attimo scrive:

    Francesco Rutelli? Ho voglia di percuoterlo più e più volte. E poi continuare.

  6. gen scrive:

    Sai che mi hai dato un’idea? Perché domani dovrei andare in giro per regali tutto il giorno, e NON NE HO VOGLIA, e “cosa regalo a chi? Che caspita ne so”.
    Ma questa è un’idea GENIALE.
    Unico problema: secondo te la capiscono o mi prendono per una tirchiazza? Il proposito è avveniristico-filosofico, però vaglielo a spiegare. Loro no: vogliono la collanina, la maglietta, l’orologio, il profumo tanto buono (così buono che costa 60 euro?!), un libro, un cd…

  7. attimo scrive:

    Gen: il mondo non è ancora pronto per una tale genialiata. Reagirebbero interdetti e un pò delusi, anche. Forse l’idea di avere una scatola vuota da riempire gli mette angoscia. Però se hai il coraggio di farlo, ti ammiro *_*

  8. attimo scrive:

    Dalia: …ciao a te. Stai?

  9. Dalia scrive:

    Sto dove?Non lo so…ho perso la testa,non è che te l’ho lasciata in macchina?Mi ci guardi poi per favore?Come stai?

  10. attimo scrive:

    Vado a dare un’occhiata nel sedile posteriore. Così così. Ma tu?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *