Si sono stampati li, nella mia mente, e ci rimarrano a lungo credo. Flash da una serata come un’altra.

Tre stelle. Scegli A, B o C? Chiuso il mercoledì, non resta che Parigi. Tres jolie: sciarpa azzurra, guanti azzurri, maglia celeste. E’ il tuo colore preferito. Eh si. Stupore. Potresti metterci anche la tua di foto, non credi? Dai non far la timida. Ho rovesciato un po’ di CocaCola. Non fa niente.
Racconti angoscianti o divertenti, dipende dai punti di vista. Sale la nebbia. Cielo aperto, freddo. Cento stelle. Una cupola nel buio e un vecchio baffuto promettono magie questa sera. Due occhi sgranati seguono attenti ogni mossa. Curiosa, affascinata. L’atomo magnetico, l’integrato, la radio senza pile e la nebulosa di Orione. Mille stelle. E’ tardi dobbiamo andare, ma torneremo. Che mito.
Nebbia fitta, tempo sfuggente. Hanno cambiato le strade due giorni fa! Vieni un attimo in macchina. Questo è per te. Stupore. Meraviglia. E’ un barbatrucco. E cos’è un barbatrucco? Bacio. Le calze indie! La musica giusta. Le casse da seimila watt. Centomila stelle. Sale la nebbia. Magia questa sera, silenzi e parole. Pensieri e parole. Ora è meglio che vai. Già. Buonanotte. Buonanotte. Un milione di stelle.

Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

5 risposte a

  1. attimo scrive:

    Anzul è un fenomeno. Un personaggio cinematografico. Un gioiello. Una rarità.
    Le calze indie?

  2. IRI scrive:

    che ci fa theego a casa di attimo? ::

  3. theego scrive:

    Non hai un paio di calze indie? E dove ti presenti senza? IO ORA CE LE HO! 😀

  4. attimo scrive:

    Iri: TheEgo ha le mani in pasta ovunque…

  5. Attimo scrive:

    Dove le vendono le calze indie in questa piatta cittadina rurale???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *