Il sassolino sui binariIncollato sulla sedia, fisso pixel sbiaditi.
Calpesto fogli di carta scivolati sul pavimento per mia non curanza. Emettono un bel fruscio, e fanno pandan col resto dell’arredamento: ragnatele di parole.
Le lancette dell’orologio mi guardano, e non più il contrario. Hanno un’aria indagatrice. Vorrebbero capire, che succede, se devono fare qualcosa. Girare più in fretta, oppure prendersi qualche pausa. Dacci un segno, sembra che dicano. E allora levo le pile dalla sveglia. Poi le rimetto, perchè non so stare senza ascoltare i battiti del tempo. Se non altro, per abitudine. Un pò mi imbarazza, quando mi guardano così. Non so mai che rispondere. Fate un pò come vi pare, lancettine mie. Decisione pilatesca. Del resto, ho altre preoccupazioni: divagare, evocare, sbiadire. In rigoroso ordine alfabetico.
Mi sembra di essere vaccinato, quest’anno, contro il virus del Natale. Niente buonismo o buoni propositi, per il momento. Se il mio cuore si scalderà, non sarò certo stato io a porgergli l’accendino. Non fumo, infatti.
Nella diapositiva a sinistra è raffigurato l’espediente, il sassolino sui binari. Deve capitare quello, per. In ogni senso.
Ho voglia di inghiottire una pallina di natale. Quella blu, con i disegnini. Una volta le appendevo io, adesso le trovo così “kitch”. Lo sono sempre state. Sono io che deterioro.
Come al mattino appena svegliati, che non ci ricordiamo quel che abbiamo appena sognato. Da qualche giorno sono convinto che lo facciamo apposta, perchè dimenticare ci fa in qualche modo più comodo. Però stavolta voglio ricordare, a costo di sforzarmi.
Dov’è che andiamo stasera?






Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

2 risposte a

  1. Starblood scrive:

    le mie palline sono blu glitter e sono talmente kitsch che sono l’unica ragione per cui ho fatto l’albero.
    e poi i sogni belli,io finisco sempre per ricordarli [ovviamente solo se sono tremendamente diversi dalla realtà che vorrei]
    -_-‘
    ieah!

  2. attimo scrive:

    Oltre al blu, segnalo anche palline fucsia e indaco spento. Abbiamo pure gli uccellini. E’ un tipico albero di Natale anni 80, nei colori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *