Sono un consumatore stanco e affranto. Inghiottirei volentieri il mio portafoglio, per fare vedere chi porta i pantaloni nell’antica lotta tra venditore e acquirente.

Chiariamo: vorrei trovare una copia di Rolling Stone ad un prezzo umano. Altrimenti non la piglio, questo mese. Magari mi fa anche bene, non leggere certe cose, ma non è questo il punto. Il punto è che sono incazzato nero. Un giornale di musica, peraltro già molto fighetto, vuole dalle mie povere tasche 8 euro, perchè c’è il cd di Elio e le storie tese. Chi lo vuole il cd di Elio? Fate la copia senza cd al solito prezzo, dico io. E invece no, vado in edicola e trovo quel fogliame di roba cool, assolutamente cool, a 8 euro. Anche essere ladri è cool? Spiegatemelo, voi e la vostra costosissima vita da rock-star. Qui ci vuole un serio e soprattutto, DEFINITIVO, dibattito sui prezzi. Sono paurosamente alti, e non ci sono storie. Prendo il mio caso. Uno studente universitario che non lavora (insultatemi pure) e viene mantenuto dai genitori, non si può permettere di prendersi quel cd appena uscito di quel gruppo che gli piace tanto, aggiornarsi con le recensioni della rivista che compra abitualmente, andare a qualche concerto per sentire buona musica dal vivo, comprarsi un buon libro fresco di stampa, sbronzarsi alla sera come si deve, fare le attività che un giovane non ancora lobotomizzato dovrebbe fare. Non le può fare a prezzi ragionevoli. Cosa ci vogliono dire con certe sparate di prezzo? Qual è il messaggio? Si è perso il valore delle cose, ma anche il valore dei soldi: carta straccia. Non posso sopportare che i miei interessi, per essere totalmente appagati, richiedano cifre fuori dalla norma, e intendo una norma sensata.
Avevo voglia di fare un pò di propaganda, visto che il giornale fighetto questo mese non l’ho pigliato, e mi sento un tantino rivoluzionario, per questo. Per non avere pigliato il giornale fighetto, dico: mi sento passato dall’altra parte, ma non è questo il punto. Fate finta che abbia spaccato qualche vetrina e gridato qualche fanculo al sistema. E’ sabato pomeriggio, piove e nell’aria c’è odore di suicidio di massa, e io avevo solamente voglia di sfogliare quel giornale. Non capiterà per un mio rigurgito di senso civico (che ha provocato questo misero post, ne convengo). Boh.

La verità è un’altra, e un certo Tyler Durden la spiegò molto, molto meglio di me al suo amico cui gli era appena esploso l’appartamento:

Sai cos’è un piumino?


Una trapunta.


Una coperta. Solo una coperta. Perchè due come te e me sanno cos’è un piumino… è essenziale alla nostra sopravvivenza, nel senso cacciatore e raccoglitore? NO. Allora cosa siamo?


Siamo cons… Siamo consumatori?


Esatto! Siamo consumatori. Siamo i sottoprodotti di uno… stile di vita che ci ossessiona. Omicidi, crimini, povertà, queste cose non mi spaventano. Quello che mi spaventa, sono le celebrità sulle riviste, la televisione con 500 canali, il nome di un tizio sulle mie mutande, i farmaci per i capelli, il Viagra…


L’arredatrice…


…poche calorie…


…Marta Stewart.


Fanculo Marta Stewart! Marta sta lucidando le maniglie sul Titanic, va tutto a fondo bello! Perciò vaffanculo tu e il tuo divanetto a strisce verdi Omar Shab della String. Io dico: non essere mai completo… io dico: smettila di essere perfetto… io dico: dai, evolviamoci! Le cose vadano come devono andare… Per me, eh! Forse potrei sbagliarmi, forse è una terribile tragedia…








Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

5 risposte a

  1. attimo scrive:

    Mi informano dalla regia che esiste anche la copia senza cd al prezzo normale. Non guardatemi con quegli occhi, non sono esaurito, tranquilli.

  2. theego scrive:

    Esatto! :-p C’era anche in versione senza cd come ogni cosa in edicola, ghghgh… Comunque sul discorso hai ragione, sebbene l’abbia già fatto Kay giorni fa!

  3. attimo scrive:

    Eh ma io arrivo sempre in ritardo. Volutamente.

  4. Starblood scrive:

    diobò..ieri stavo pensando anche io al rolling stone e a quanto sia…
    sia…
    sia…patinato.
    E a quanti cazzo de euri costi.
    E al fatto che tutto costa un’esagerazione.

  5. karvek scrive:

    Sì ma l’esempio preso in considerazione è giusto, tutto costa un fottio di soldi che poi me lo buttano in faccia senza cd il rolling stones me ne sbatte :X

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *