Precipita la verità
è solo un pò più debole.

Un uccellino mi racconta testè: Alberto Ferrari ammette di scrivere testi senza nessun significato; per lui le parole sono suoni che devono dare emozioni e li mette a caso sulla musica. Lui li scrive e poi qualcuno dei fan ci trova strani significati ma in realtà non ci sono. E’ andato dallo psicologo per un paio di sedute per i suoi testi, ma poi si è rotto.
Orpo. D’altronde l’avevo sempre sospettato, ma non volevo crederci. E io che li citavo mentalmente a destra e a manca. Colpa delle mie cotte musicali primaverili, ma non me ne vergogno mica, eh!
Ormai non riesco più a comprarmi qualcosa da vestire. Sono ossessionato da queste magliette gialloverdi o verdigialle con la scritta Brazil o Jamaica, sono dappertutto ovunque in ogni dove. Per carità sono anche belline. Solo che le stanno cospargendo come un antiparassitario sui campi di frutta. Basta, per pietà. Poi mi si viene a dire che vendono solo quelle e sono io che non le voglio comprare (!). Addirittura la colpa è mia che non mi adatto a quello che passa il convento. Ma esiste un negozio dove tu vai lì e disegni tu la tua maglietta con lo stile e le scritte che hai in mente? Sarebbe un capo unico, e non il milionesimo esemplare di una pianificata vestizione di massa. Che stress la bella stagione. Ho bisogno di comprare magliette per entrare in sintonia con l’afa e le zanzare. Sono drogato di aria aperta ormai. Faccio a botte con la mia pigrizia per uscire, camminare per le strade soleggiate, sostare alla brezza di una quercia, sedermi ai bordi di un marciapiede all’ombra, correre correre, studiare al parco, ogni scusa è buona per assumere una dose di aria aperta. Liberatoria aria aperta, panacea di tutti i mali, sedativo per ogni angustia mentale.




Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

9 risposte a

  1. Folle scrive:

    Se se…poi quando io ti chiedo di fare un giro in bici sulla mura non hai mai voglia….

  2. Attimo scrive:

    Toglietemi tutto, ma non il mio Folle.

    Quel giorno là ero in una particolare condizione psicologico-sensitiva che non starò qui a spiegarti ora. Tutte le altre volte ci sarei potuto essere. Potremmo aprire un blog alla Forum per dirimere le nostre beghe. 😉

  3. alidivento scrive:

    Qualcuno canta “you don’t, you don’t, you don’t see me, you don’t see me at all…”

  4. Dalia scrive:

    A perfect circle :)..ricordati che mi hai promesso -7- km di corsa.(erano sei,ma visto che oggi il 7 porta bene,ho aumentato)

  5. Attimo scrive:

    Uno va a correre un giorno e guarda cosa cosa succede.

  6. TheEgo scrive:

    Cosa succede….succede che ho le gambe rigide e non riesco a fare le scale…che mozzarella che sono.

  7. Attimo scrive:

    Che uomini. No dico, che uomini.

  8. Folle scrive:

    che due stronzi che non mi avete chiamato.

  9. Attimo scrive:

    Che uomo, no dico: Che uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *