Sgranocchio la punta…

Sgranocchio la punta della matita e intanto mi chiedo se sarà l’animale-guida a raggiungere prima me oppure viceversa.
Fonderò un movimento in difesa della Scrittura Sconnessa. Ammetto che a leggerla ci vuole pazienza, e molta di più per trovarla interessante, ma ne ho bisogno, perciò lo scrivo sui banchi e ci vergo il blog. Rivendico il diritto di usarla, a mio piacimento, e i detrattori sono ben accetti. Hanno una casella grigia tutta per loro dove far notare l’inutilità e l’incomprensione della Scrittura Sconnessa. E’ che ultimamente ho avuto un rigurgito di orgoglio e sono riuscito a scacciare le vocine dissonanti dal mio spirito critico per più di qualche attimo. Diciamo due o tre, chè poi mi ricompongo subito. Ma ieri sera mentre attraversavo il passaggio a livello e pigiavo sul gas e passavo sotto le sbarre che scendevano giù e sentivo un momento di adrenalinica cinematografia e, avevo appena finito di masticare un pò di Orgoglio e Straffottenza, avevo rivendicato Torti passati. Qualche giorno prima, avevo abusato di cd da 100 minuti per una compilation abnorme, inutile se vogliamo, e ne ero orgoglioso, di non essere sceso a compromessi col buonsenso generalizzato. Son piccole cose, sciocchezze che non scalfiscono la mia totale propensione al condizionamento esterno. Persino un ramo di un albero se si piega storto verso di me, mi persuade. Però son ridotto a catalogare mentalmente Sciocchezze, uniche note dissonanti in un Ccoro basso e allineato verso un ritmo monocorde. Mi fanno cenni di tagliare, è tardi. Ci credete che alle 4 di un pigro martedì pomeriggio mi stavo chiedendo per che cosa mi ero alzato (tardi) a fare, stamattina? No, non in senso depressivo, ma quasi scientifico. Nessun battito d’ali di una farfalla avrebbe fatto cadere qualche elefante nella mia vita, oggi.

Sono le 11 di un pigro martedì sera. Ti chiedi quanto possano valere, per te, quelle fiacche considerazioni mistiche. Ti aggrappi ai massimi sistemi, perchè nei minimi non trovi risposte, non trovi impulsi, non trovi riscontri. Hai una disperata voglia di piccole cose, di certe piccole cose che vadano a riempire le bolle d’aria nel tuo cuore, nella tua mente. Ma non accade. Non accade.
Non è forse tempo di immedesimarsi in qualcosa?



Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Sgranocchio la punta…

  1. IRI scrive:

    ho paura ad immedesimarmi *totalmente* in qualcosa. ma rivendico il diritto e la bellezza della scrittura sconnessa.. pace e bene

  2. alidivento scrive:

    Non solo un pigro martedì. Ti fidi di me?

  3. anonimo scrive:

    ciao. ma scusa che no parlo bene italiano. AIM:r0ttnr0ses, mi aiuta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *