Approffittiamo di qu…

Approffittiamo di questo sabato pomeriggio polleggiante per lasciar qualche frammento di coscienza in scioltezza, tanto sono tutti impegnati in altre faccende e il rischio di esser letti dai bersagli di questi fumosi discorsi sono a distanza di sicurezza. Colmo così il senso di mancanza e il mio istinto riconciliante (ma perchè poi mi devo sempre conciliare con tutto? Ti spaventa così tanto la Rottura? ) con “poche ma sentite” parole. Caro amico che non mi ascolti (dio quanto sono involontariamente patetico), artista di immagini ma non di parole, artista di colori ma non di comportamenti (che tu non me ne voglia lo dico a fin di bene), ferma per un attimo la tua corsa e ascoltami, che magari si riesce per una volta a scambiare davvero scampoli di amicizia. Che è stare insieme, che è condividere, e tutte queste cose qui. Ma che è anche saper ascoltare, e saper aprire gli occhi, non chiuderli, non voltarsi dall’altra parte. Che è anche e soprattutto aver voglia di fermarsi ad ascoltare, e metter da parte la supponenza. Caro amico, fallo. Perchè per esser amici non conta saper parlare, che tanto il messaggio dovrebbe arrivare lo stesso. Dovrebbe. 3 anni che questo non avviene. Ma è cosa di poco conto, interessa solo a me, e da soli le rivoluzioni non le si fanno, se non si è eroi. Non lo sono, e così queste parole le scrivo e non (te) le dico. Lasciamo fare agli inconvienenti, alle tonnellate di puttanate che ci pensano loro a gestire la situazione, a tenerla anestitazzata. Siamo andati avanti così fino ad adesso, e un sabato pomeriggio polleggiante non cambierà niente. Capiterà un’altra cazzata, ci si scorda delle esistenziali apologie filosofiche, e avanti così. Come vedi, non ti ho detto niente caro amico. Sono ancora in tempo per rimediare? Vorrei solo che ci accorgessimo che potremmo essere veramente amici. Pia aspirazione, lo so. Voglio troppo, e soprattutto adoro il condizionale.

Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *