Dicono che sia inizi…

Dicono che sia iniziato il 2004. Siamo entrati nel nuovo anno. L’ho pure festeggiato, come tutti quelli passati. Ma questa storia non mi convince. Il capodanno mi mette tristezza. E ansia, quella tipica ansia di sfogliare un’agenda dalle pagine vuote, e confrontarle con quelle mezze vuote dell’anno precendente. Ho tanta paura che non riuscirò a mezzo-riempire quelle nuove, una inutile paura di non riprendere il tran tran. Soliti discorsi. La verità è che sono estremamente scettico riguardo al Capodanno, e all’inizio di un nuovo anno in generale. Abbandonate le speranze adolescienziali, oggi non riconosco più dove un anno finisce e dove ne inizia un altro. Mi sembra di essere in un continuo flusso temporale, senza distinzioni di stagioni, di fasi, perchè tutto si fonde, e non si intravedono degli steccati. Dei punti fermi. E’ un continuo flusso temporale, uno scorrere melmoso di tempo.

Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Dicono che sia inizi…

  1. Dalia scrive:

    Forse è meglio così,che scorra inesorabilmente il tempo,con tutti i suoi difetti e i suoi pregi,se così posso chiamarli.Pensa se,se solo se,non lo facesse..

  2. Simur scrive:

    Il tempo è un flusso, che se ne va e solo quando se ne è già andato ti avvisa che è passato. Il roblema essenziale è accorgersi che si sta vivendo un bel periodo, un po diverso, io me ne accorgo solo quando questo periodo se ne è già andato, me ne accorgo grazie al ricordo, e rimpiango di non esserci ancora in mezzo.

  3. malinconia scrive:

    Come ti capisco. Il capodanno è una festa triste anche per me, nei giorni precedenti mi carico di aspettative, di attese, di ottimismo e inesorabilmente, quando guardo in faccia il nuovo anno, resto sempre un po’ delusa. Il tempo passa e tutto scivola fra le dita come granelli di sabbia.

  4. DAYbyDAY scrive:

    CIAO!!!!!!!BUON 2004 ANCHE A TE!!! Neuroni????No,no,io ho i criceti che vanno sulla ruota….continuano a cadere e poi cominciano a girare dalla parte sbagliata….bhe che ci vuoi fare????Un bacione!!

  5. IRI scrive:

    anche a me il capodanno mette tristezza.. e il countdown inquietudine. non vedo l’ora che passi, ogni volta

  6. alyssa scrive:

    In effetti il confine tra anno vecchio e anno nuovo non è cosi’ riconoscibile e definito. Il confine me lo faccio da me … con le mie esperienze, con capitoli di vita che chiudo, e con quelli nuovi che riapro. Molto interessante il tuo blog, ripasserò 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *