Cito dall’arguto e simpatico Vittorio Zucconi:
“Ma nessuno può giustificare razionalmente lo stato confusionale che periodicamente e puntualmente afferra i giocatori in maglia neroazzurra nelle partite importanti, eccellenti nazionali comperati in tutto il mondo, professionisti di sicuro pelo, veterani di ogni stadio e li rende incapaci, come nel derby, di completare correttamente passaggi di dieci metri da fermi, su calcio di punizione, non si parla di lanci con il regolo da 50 metri. Ci deve essere una maledizione, un incantesimo che rincoglionisce campioni pagati miliardi, che imbottisce di stoppa le gambette di velocisti, che induce difensori a guardare come birilli gli attaccanti avversasi che palleggiano in area, con tutto il tempo di tirare e prendere la mira, mentre al povero Toldone rischiano di scoppiare le vene del collo.”
Qualcuno un giorno dovrà spiegarmi il perchè di queste continue pietose prestazioni della mia squadra.




Questa voce è stata pubblicata in Splinder. Contrassegna il permalink.

6 risposte a

  1. Dalia scrive:

    Se solo si potesse resettare,anche una volta soltanto basterebbe.

  2. Bella questa citazione! si, i ns giocatori erano un po’ fiacchi ieri, ma secondo me ci sn alcuni come il capitano che ci mettono l’anima!! Ti ho messo nei link, cosi` leggero` piu` spesso il tuo blog! bye

  3. Dalia scrive:

    Solita trama,solita sceneggiatura.Riconoscere attimi già vissuti..ma con il potere di mescolare di nuovo le carte,e di rigiocare la partita.

  4. jackpatch scrive:

    Non è la prima volta… sembra che tolga spesso le parole di bocca agli altri… Tu che studi?

  5. Dalia scrive:

    Bingo,di nuovo eh.”Costruire” qualcosa,senza poi avere l’istinto maniacale di distruggerlo,credo sarà la prossima scommessa con me stessa.

  6. Mi piace assai quella foto con le nuvole che sta in basso a sinistra. Assai. baciok.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *